Archive for settembre 2014

112mila euro per il quartiere

DELIBERA ex italcementi 31 luglio 2014

 

Con delibera di Giunta comunale del 31 luglio scorso il comune su richiesta del Municipio e come anche da noi richiesto espressamente, ha sancito di rinunciare a investire i 112mila euro rimanenti degli oneri di urbanizzazione dell’ intervento nell’ area ex Italcementi nella progettazione della risestamazione di piazza Adriatico. Infatti i suddetti 112mila euro sarebbero serviti, secondo la previsione iniziale, alla sola progettazione. Insomma non avremmo visto niente di concreto per il quartiere e avremmo visto sperperati altri soldi pubblici per una opera che non si sarebbe mai più realizzata mancando i necessari fondi per realizzarla. Tutto questo nonostante la grande opera che viene costruita nel quartiere ad opera di coopsette e nonostante la previsione iniziale (del. 43a/2010) in cui il municipio impegnava la giunta comunale di allora a realizzare la riqualificazione di piazza Adriatico con una nuova pavimentazione e un nuovo arredo urbano. Niente di tutto ciò è stato fatto ma ora si apre questa via inaspettata, seppur di non molta importanza da un punto di vista economico: questi 112 mila euro saranno nella disponibilità del Comune di Genova dal mese di novembre (devono essere versati entro il 30 di novembre, fonte: arch. De Fornari Comune di Genova) e potranno essere utilizzati finalmente per il quartiere. Chiediamo al Municipio, sicuri di una loro risposta necessariamente positiva, che questi fondi rimangano nel quartiere e siano investiti per migliorarlo,  sia dal punto di vista della sicurezza idrogeologica che della qualità dell’ arredo urbano. Noi abbiamo qualche idea al riguardo (così come tanti nel quartiere) e proponiamo che tutti i cittadini interessati possano contribuire a decidere la destinazione di questi fondi nel quartiere. I 112mila euro sono insufficienti per realizzare opere di grande impatto come una completa riqualificazione della piazza ma possono essere ben spesi e utilizzati per migliorie e opere propedeutiche ad una futura sistemazione. Si può pensare ad esempio di investire qualcosa di questi fondi su barriere anti alluvione. È importante però che la scelta sia condivisa e partecipata con la popolazione. Così come per le grandi opere anche le piccole spese e le necessità dei quartieri e dei territori vanno rese pubbliche e condivise con la popolazione per rispondere alle reali esigenze di chi quel posto lo vive quotidianamente. Il tema è stato da noi portato all’attenzione del consiglio comunale durante la commissione V Territorio del 2 settembre scorso.